L’impianto RAEcycle è l’unico al mondo ad aver risolto il problema della presenza del piombo nel vetro derivante dai CRT. Attualmente, lo smaltimento degli schermi a tubo catodico rappresenta per il settore una grande problematica sia in termini di costi, per il relativo smaltimento, che in termini ambientali. Nei vecchi televisori, infatti, vi sono due tipologie di vetro che, avendo caratteristiche differenti, seguono canali di trattamento distinti: in sintesi, il vetro pannello (parte frontale), ricco in bario e stronzio, una volta ripulito dai “fosfori” viene macinato e trova applicazione come materia prima–seconda nell’industria delle ceramiche e in altre applicazioni; il vetro al piombo (vetro cono – parte posteriore) invece, dopo l’eliminazione degli strati interno/esterno realizzati con materiali tossico-nocivi, viene generalmente trasportato in appositi impianti per ulteriore lavorazione, con sempre più elevate difficoltà legate alla bassissima concentrazione di canali preposti a questo tipo di attività.

L’impianto di Siracusa, attraverso un processo idro-metallurgico a freddo brevettato a livello mondiale, rappresenta lo stato dell’arte del settore ovvero la BAT – Best Available Technology – in quanto è l’unico in grado di separare il vetro dal piombo ed estrarre piombo metallico, silicati insolubili e solubili.

Ad integrazione, visualizza l’articolo redatto da Sara Mussetta – CdCRAEE